Una landing page funzionale nasce da un preciso progetto strategico in grado di determinare un chiaro e funzionale percorso di conversione. Il primo step necessario per assicurare un’esperienza di atterraggio soddisfacente è collocare la landing page al di fuori del website, con tutte le distinzioni in termini di format e di layout, oltre che di menu e navigazione. In questo modo la landing page diviene più che una semplice pagina ma una vera e propria esperienza per l’utente che può condurre a risultati decisamente più soddisfacenti in termini di focus sugli obiettivi di conversione, univocità del messaggio e richiamo alla call-to-action. Non bisogna dimenticare che gli utenti che approdano su una landing page non sono utenti comuni alla ricerca di generiche informazioni: al contrario, sono dei potenziali lead o clienti che hanno già manifestato il proprio interesse rispetto alla campagna e hanno aspettative ben precise strettamente commisurate a quanto è stato loro promesso cliccando su un dato banner o su un annuncio.

La progettazione di landing page e mini-siti è strettamente connessa agli obiettivi, al target e al settore merceologico in cui opera il brand. Tuttavia, esistono alcune best practice necessarie per assicurare al visitatore una esperienza di navigazione soddisfacente.

  • Utilizzo dello spazio negativo. Una buona composizione visiva è fondamentale per permettere agli utenti di focalizzare l’attenzione sugli aspetti che si ritengono importanti. Entra qui in gioco lo spazio negativo, ovvero uno spazio vuoto che serve all’occhio per “respirare” e concentrarsi su contenuti ben definiti. Una landing page efficace non dovrebbe essere scarna ma avere un’organizzazione grafica intelligente per valorizzarne gli aspetti principali.
  • Posizionamento dei contenuti strategici above the fold. È importante posizionare gli elementi visivi di maggiore impatto above the fold, ovvero in quell’area che l’utente può vedere senza scorrere la pagina. In una landing page efficace gli elementi principali sono posizionati in vari punti strategici che possono essere valorizzati attraverso elementi interattivi allo scopo di rendere il sito più leggibile e dinamico. Il fine ultimo è sempre quello di riuscire ad accattivarsi l’interesse dell’utente.
  • Call-to-action chiara e diretta. L’utilizzo di una landing page può essere la strada giusta da percorrere se si vuole cercare di convincere potenziali clienti dell’efficacia di uno specifico prodotto o servizio. L’uso di una comunicazione diretta permette, infatti, ai visitatori di capire immediatamente ciò che viene loro richiesto. È utile, ad esempio, per coinvolgerlo nel processo stesso dell’azione creare un “senso d’urgenza” sfruttando limiti o scadenze, come una promozione esclusiva temporalmente limitata e/o riservata a pochi utenti. La prospettiva di poter perdere un’occasione irripetibile spingerà il cliente all’acquisto. La call-to-action deve sempre occupare un posto di rilievo all’interno della pagina, sia che venga visualizzata come unico elemento sia che venga sovrapposta ad altre immagini.
  • Attenzione ai colori. Trasmettere affidabilità è uno degli scopi finali di una landing page e l’uso di colori appropriati può facilitare il processo. È importante utilizzare dei colori che rimandino a buone qualità: al blu sono tradizionalmente associati i concetti di fiducia, chiarezza e innovazione. Anche il verde è un colore molto usato perché ad esso si associa normalmente all’idea di crescita, guadagno e vitalità. I colori come il giallo e il rosso sono meno indicati perché potrebbero essere associati a emozioni quali paura e aggressività. Ovviamente, tutto questo è sempre da considerarsi in relazione al contesto e al design generale della propria pagina web.
  • Le esperienze di utenti testimonial. La testimonianza di altri utenti su uno specifico servizio o prodotto può incentivare in maniera significativa il processo di conversione. Non bisogna dimenticare che molto spesso essere il primo non è un valore: sapere che altre persone ci hanno provato prima e che l’esperienza si è rivelata soddisfacente aumenta di gran lunga la convinzione che funzionerà.
  • Utilizzo di contenuti video. In una società dove conta sempre di più l’immagine, è utile accompagnare prodotti e servizi a video coinvolgenti per il consumatore. Usare un breve video promozionale può far decollare le conversioni. Inoltre i pulsanti social media sono in una posizione tattica per convincere il visitatore a condividere il video e renderlo virale.